FeLSA News

Disoccupazione Giovanile Frosinone

Riforma Mercato Lavoro

Situazione Giovani

Home

Presentazione

Redazione

Contatti

Notizie

REDAZIONI

Abruzzo

Basilicata

Calabria

Campania

Emilia Romagna

Friuli Venezia Giulia

Lazio

Liguria

Lombardia

Marche

Molise

Piemonte

Puglia

Sardegna

Sicilia

Toscana

Trentino Alto Adige

Umbria

Valle d'Aosta

Veneto

LAVORO

Atipico

Autonomo

Somministrato

RUBRICHE

Contratti

Convegni

Normativa

Situazione Disoccupazione Giovanile a Frosinone

Riforma Mercato del Lavoro : Riflessioni, Proposte, Investimenti per l'Occupazione

I dati elaborati dal Centro Studi della Cisl di Frosinone sulla disoccupazione giovanile sono allarmanti : il tasso ha ormai raggiunto il 36,8% ed è in aumento il numero degli over 40 che cercano un reinserimento nel mercato del lavoro.

La realtà industriale della nostra provincia è in piena crisi, infatti assistiamo quotidianamente a mobilitazioni di lavoratori che cercano di difendere ad ogni costo il proprio posto di lavoro.

Sul territorio riescono ancora a garantire un po' di ossigeno il comparto chimico e quello metalmeccanico, in particolar modo l'indotto Fiat dove una buona parte degli occupati sono assunti con contratti di lavoro in somministrazione attraverso le Agenzie per il Lavoro.

Questo è lo scenario in cui stiamo vivendo, un'economia ormai stagnante che ha bisogno di essere supportata con l'intervento anche delle istituzioni locali.

Negli ultimi mesi il tema dell'occupazione giovanile è stata al centro del dibattito pubblico con la Legge 92/2012 entrata in vigore dal 18 luglio 2012. Obiettivo della norma è quello di disciplinare il mercato del lavoro apportando una serie di modifiche che introducono restrizioni al ricorso illegittimo a forme contrattuali.

Spesso, queste ultime nascondono rapporti di lavoro subordinato a tutti gli effetti, basti pensare tanto alle tante finte collaborazioni a progetto e partite Iva, quanto all'associazione in partecipazione.

Pur riconoscendo la necessità di intervenire per evitare comportamenti elusivi si corre il rischio di non favorire l'occupazione e quindi le assunzioni da parte dei datori di lavoro; si tratta di una riforma che sicuramente contiene alcune importanti novità ma che può essere ulteriormente migliorata,a d esempio con misure finalizzate ad incentivare gli investimenti sul nostro territorio.

Quali frutti possiamo aspettarci da questa riforma senza creare posti di lavoro?

La risposta può essere data da un sostegno concreto alle imprese con incentivi per le nuove assunzioni, dalla risuzione del costo del lavoro e dalla semplificazione delle procedure per iniziare un nuova attività, tutti strumenti utili per poter parlare diripresa economica del territorio provinciale e dell'intero Paese, al fine di scongiurare la delocalizzazione delle imprese.

Tornare ad investimenti in Italia è una priorità assoluta che deve essere perseguita se il nostro Paese vuole tornare ad essere competitivo e superare in questo modo la crisi occupazionale che ha portato alla chiusura di realtà industriali un tempo fiore all’occhiello della provincia di Frosinone.

Stefano Tomaselli

Segretario generale FeLSA Cisl Frosinone

 

Situazione Giovani a Frosinone. Riforma Mercato Lavoro, Conseguenze sul Territorio, Disoccupazione, Prospettive per il Futuro.

Supplemento Sindacale del Giornale InformazioneOnLine.Info - Tutti diritti riservati

FELSA CISL - Via Salaria 83 - ROMA - C.F. 97585760586